Come ci innamoriamo

Come ci innamoriamo

Seconda parte

Nell'articolo precedente ho spiegato come l'innamoramento si basi su una distorta associazione fra una emozione ed una data persona, scambiata erroneamente per la causa dell'emozione stessa.
Alcuni penseranno:
<< E se è DAVVERO quella persona a farmi provare quella emozione?  A questo punto è vero amore! >>

Innanzitutto non esiste amore vero ed amore falso. L'amore, se sentito, è sempre vero. Qui non stiamo riflettendo sulla bontà o meno del sentimento, ma su cosa INNESCA il sentimento stesso, in questo caso l'innamoramento. Ebbene, non è mai la persona ad innescare l'innamoramento, in quanto il termine "la persona" non significa nulla. E' qualcosa, qualche caratteristica di quella persona a far "scoccare la scintilla". E quale caratteristica più del comportamento è capace di questo!?

Qualcun altro ipotizzerà cose come denaro e bellezza fisica. Concordo pienamente. In questo caso, quindi, non ci stiamo innamorando della persona ma del suo aspetto fisico o, peggio, del suo denaro e del potere che ne deriva. Il punto è sempre lo stesso: non ci innamoriamo della persona ma delle emozioni che caratteristiche di quella persona suscitano in noi.

Quindi ci innamoriamo della immagine mentale che abbiamo di quella persona.
E passiamo così alla seconda fase dell'innamoramento: lo stare da soli e pensare a quella persona.

Quando siamo lontani dalla persona che ci ha indotto le emozioni, continuiamo ad immaginarla e questo crea un circolo di autoinnamoramento fatto di emozione che crea l'immaginazione della persona che a sua volta crea emozione e così via....
E' un circolo che si autoalimenta. Si autoalimenta perché quando immaginiamo quella persona la immaginiamo per come vogliamo che sia, e non per com'è davvero.

Ecco perché, spesso, l'amore conduce alla delusione. Conosciamo una persona, per qualche motivo associamo ad essa delle emozioni, ripensiamo a quella persona FANTASTICANDO a nostro piacimento e questo provoca l'innamoramento. Poi, quando ci troviamo a conoscerla davvero ed a capire che non era lei a farci provare quelle emozioni e che il suo comportamento non corrisponde a quello che noi avevamo immaginato, ci sentiamo traditi. Ma in realtà siamo stati noi ad autoilluderci!

La soluzione? La consapevolezza è il primo passo. Come spesso spiego durante i miei corsi, sapere che siamo degli essere totalmente emotivi ed irrazionali, accettare questa realtà, ci rende più consapevoli. Di conseguenza cercheremo di conoscere davvero gli altri (e noi stessi) anzichè imporre su di loro l'immagine che ci siamo creati. Smetteremo di chiedere <<che film ti piacciono?>> ed inizieremo ad indagare sui VALORI, PRIORITA' e REGOLE profonde.

Da un punto di vista seduttivo il meccanismo di autoinnamoramento è un grande potere in quanto possiamo, con tecniche di PNL, ipnosi e comunicazione efficace, indurre pensieri differiti nella persona che vogliamo conquistare. Banalmente frasi come <<Ehi, non voglio che mi pensi prima di andare a letto!!!>> è una frase che insinua nella persona che abbiamo di fronte un pensiero indotto che innescherà il circolo di autoinnamoramento che desideriamo instillare.

Fai in modo che le persone si trovino a pensare a te
e vivifelice!

Vorrei che questo blog diventasse un terreno di crescita e scambio per tutti. Qui sotto c'è dello spazio per commentare. Serve un LEADER che dia il via e poi tutti seguiranno. Chi sarà il primo?