Come comunicare con gli uomini.

Come comunicare con gli uomini.

Mistero risolto.

Le donne, superata la soglia della pubertà, come delle piccole esploratrici con tanto entusiasmo, si mettono in marcia verso la più fallimentare e frustante di tutte le avventure: scoprire cosa passa per la testa di un uomo.

E così si lanciano in creative interpretazioni a sfondo catastrofico, organizzano serate circondate da altre sorelle per decifrare cosa pensa il fidanzato di turno.

Perché Antonio non mi invita ad uscire? Perché Marco mi ha mollata? Perché Francesco si chiude in se stesso? Perché Giovanni passa infiniti pomeriggi alla PS? Quando Mario farà la proposta? Perché Filippo non si confida con me?
Proviamo a tradurre nel nostro linguaggio i pensieri dei nostri uomini e quando va bene otteniamo bandiera bianca.

Eppure basterebbero due nozioni di biologia umana tra gli 8 e i 12 anni e tutto sarebbe diverso.
Il cervello degli uomini è diverso da quello delle donne.
Le donne, si sa, sono emotive e il loro linguaggio è emotivo, complesso e articolato: i due emisferi, quello razionale (che è quello del linguaggio esplicito) e quello  emotivo, comunicano attraverso tantissime connessioni.
Il cervello dei maschietti funziona in modo differente. Esistono meno connessioni tra i due emisferi e più connessioni interne.

Tradotto: gli uomini pensano esattamente ciò che comunicano. Gli uomini non hanno una comunicazione filtrata dalle emozioni.
E se non vogliono comunicare? Semplice! Non comunicano!

Volete conquistare un uomo?

1. Seguite le sue indicazioni. Vi svelo un segreto: quando un uomo dice una cosa intende proprio quella. Nessun mistero da svelare e santo graal da trovare.

2. Chiedete il suo aiuto qualche volta, anche per qualcosa che a reste perfettamente in grado di fare da sole. Si, vero, agli uomini piacciono le donne indipendenti e con carattere, ma sono sempre uomini e come tali hanno bisogno di sentirsi utili, hanno bisogno di illudersi di essere tanto forti da poter salvare la principessa in pericolo (si magari fate palestra e la potete prendere da sole quella scatola pesante, magari lo scarafaggio non vi fa proprio così terrore, magari proprio oggi non riuscite a spingerlo il carrello della spesa)

3. Non pensate che abbia necessariamente qualcosa da nascondervi, un pensiero segreto, un'idea che vi esclude dal suo mondo.
Se un uomo ha un problema ve ne perlerà solo se ritiene che possiate concretamente aiutarlo e non ha alternative, se ci tiene a voi, per natura, tenderà a preservarvi, non insistete.
Accettate il fatto che "niente" alle volte significa proprio niente.

4. Non dispensate consigli non richiesti. Penserà che gli offrite aiuto perchè non è in grado di risolvere il problema da solo e si sentirà frustrato. Gli uomini amano fare da sè e non parlano dei propri problemi a meno che non abbiano bisogno del parere di un esperto. Per le donne parlare dei problemi equivale a diluirne la gravità, condividere è importante e non serve necessariamente ad avere una soluzione

5. Non date a lui ciò che voi desiderate. Il fatto che voi abbiate bisogno di un certo tipo di attenzioni, dolcezza, vicinanza non implica che automaticamente coincidano con le sue esigenze.

Diventate brave osservatrici e ascoltatrici.

E vivete felici!