WhatsApp distrugge 28 milioni di coppie

WhatsApp distrugge 28 milioni di coppie

Ansia e gelosia, che paura!

Non  so se sia vero, ma è interessante.

La motivazione risiede nelle due funzioni: la possibilità di vedere l'ultimo ingresso e la conferma di avvenuta lettura generando gelosia e ansia. Io personalmente lo ricondurrei ad un unico motivo: scarsa fiducia in sé.
Non accettiamo il fatto che una persona legga un nostro messaggio  e non risponda inediatamente. Non accettiamo il fatto che una persona ci dia la buonanotte e non si metta subito a dormire ma parli con qualcun altro. Forse queste cose non accadevano anche prima di WA? Certo che si, solo che non lo sapevamo.
Il problema è proprio questo. La certezza di non essere il centro dell'attenzione delle persone per noi importanti ci distrugge, ci annienta, ci sfinisce.
Ebbene, facciamocene una ragione: NON SIAMO IMPORTANTI. Non lo siamo. Vorremmo, ma non è così. Non siamo importanti come singoli e neppure come specie. Se tutta l'umanità scomparisse, al Pianeta non cambierebbe assolutamente nulla (anzi, forse starebbe meglio). Figuriamoci quanto può contare il singolo.

Terribile, ma vero.

Siamo al primo posto nella classifica di una sola persona al mondo: noi stessi. E guai se non fosse così. A me fanno paura le persone che dicono "Sei tutta la mia vita". Brrrrr…. mi sa tanto di psicopatico! Tipo una stanza con tutte le mie foto che riempiono una parete… che paura!
No, non siamo importanti. Se accettiamo questa semplice evidenza possiamo imparare una cosa molto importante del rapporto con gli altri: l'inter/dipendenza. Vale a dire, da solo sto benissimo e con te sto meglio.

Sii inter/dipendente e vivifelice!